illuminati italia

Cosa troverai in questo articolo

famiglie controllate dagli illuminati

La famiglia Kennedy

La famiglia Kennedy è senz’altro una delle più note, non solo negli Stati Uniti d’America, ma in tutto il mondo.

La storia di questo potente clan è ricca di vicende dubbie, oscure. Ma ciò che colpisce è in un certo senso la sfortuna che la accompagna: si parla, infatti, di una vera e propria maledizione della famiglia Kennedy.

L’ultima vittima, proprio ad aprile 2020: Gideon McKean, pronipote di Bob Kennedy (fratello del celeberrimo John Kennedy, presidente USA), è stata trovato morto assieme alla madre (nipote di Bob Kennedy).

I due cadaveri sono stati ritrovati a distanza di qualche giorno, dopo una settimana che erano scomparsi. Erano semplicemente impegnati in una gita in canoa, intrapresa sembra per recuperare un pallone.

Famiglia Kennedy
Famiglia Kennedy

La maledizione dei Kennedy

Queste non sono le uniche morti assurde. Si parla di maledizione dei Kennedy perché molti dei membri di questo clan hanno subito il peso di un destino funesto.

Citiamone alcune.

1) Joseph Kennedy, padre di John, fa eseguire una lobotomia alla figlia, allora 23enne, causandole un danno permanente a livello mentale e fisico. Dopo anni, lo stesso patriarca della famiglia Kennedy sarà colpito da un ictus, che gli impedirà di parlare e vivere normalmente.
2) Joseph Kennedy Jr, primo figlio e fratello maggiore di John Kennedy, perde la vita durante una missione top secret nel corso della Seconda Guerra Mondiale. Non fu ucciso dal nemico, ma da un’esposizione accidentale dell’aereo che pilotava.

I tre fratelli Kennedy
I tre fratelli Kennedy, Joseph Jr, John e Bob

3) Nel 1955 perde la vita un’altra figlia di Joseph Kennedy, nonché sorella di John e Bob, a causa di un incidente aereo.
4) Marilyn Monroe, attrice famosissima e amante dell’allora presidente USA Jhon Kennedy (e sembra anche del fratello Bob), viene trovata morta in circostanze misteriose.
5) John Kennedy e la moglie Jacqueline perdono due bambini, uno durante un aborto, l’altro a pochissimi giorni dalla nascita.
6) Nel 1963, John Kennedy, allora presidente degli Stati Uniti, viene assassinato a Dallas.
7) Nel 1964, viene trovata morta in circostanze piuttosto misteriose un’altra presunta amante di John Kennedy, Mary Pinchot Mayer.

Assassinio John Kennedy
Assassinio John Kennedy

8) Nel 1968, viene assassinato Bob Kennedy, a Los Angeles.
9) Nel 1984 muore uno dei figli di Bob Kennedy, per overdose di cocaina.
10) Nel 1999 muore il primogenito di John e Jacqueline Kennedy, John Kennedy Jr, a causa di un incidente aereo. Nell’incidente, persero la vita anche la moglie e la cognata.

John Kennedy Jr.
John Kennedy Jr.

La famiglia Kennedy e gli Illuminati

Ma cosa lega la famiglia Kennedy agli Illuminati?

Cerchiamo di capirlo.

Il padre di John e Bob Kennedy, Joseph, ha origini irlandesi. La famiglia sembra aver avuto un legame “speciale” con una famiglia irlandese, i Fitzpatrik, la cui origine sembra addirittura risalire all’antica Francia. C’è chi sostiene che nelle loro vene scorre il Sangre Real.

Attestato è il legame familiare tra Jacqueline Kennedy e la famiglia Auchincloss. La madre della first lady era infatti spostata con Hugh D. Auchincloss. Questa potente famiglia viene definita la linea di sangue scozzese degli Illuminati.

Tra le famiglie legate a questa stirpe, troviamo i Rockefeller, i Tiffany, i Vanderbilt, tutti nomi legati in qualche modo agli Illuminati e ai complotti relativi all’instaurazione del Nuovo Ordine Mondiale.

Ritornando ai Kennedy, ciò che è certo è che un antenato di Joseph Kennedy, Archibald Kennedy, fu massone e ricoprì numerosi ruoli importanti nella Gran Loggia di Scozia.

In più, è stato scoperto in tempi relativamente recenti che il capostipite dei Kennedy facesse parte della Pilgrims Society. Fondata nel 1902, questa società segreta anglo – statunitense è “famosa” per organizzare eventi di benvenuto per la nomina di ogni nuovo ambasciatore inglese negli Stati Uniti e viceversa.

E questa è una delle società segrete più “dubbie” al mondo. Paragonabile al Gruppo Bilderberg e ad altre che hai già trovato lungo il tuo percorso.

Inutile aggiungere dunque che la stessa società segreta è al centro di molti eventi dubbi e oscuri. E Joseph Kennedy fu ambasciatore statunitense in Gran Bretagna negli anni della II Guerra Mondiale.

Joseph Kennedy con il figlio maggiore, Joseph Jr., e John.
Joseph Kennedy con il figlio maggiore, Joseph Jr., e John.

Sembra che Kennedy avesse rinunciato a questo ruolo a seguito dell’arresto di Tyler Kent, un ufficiale che lavorava presso l’ambasciata statunitense in Inghilterra, colpevole di voler diffondere dei documenti segreti circa delle “scottanti verità” sull’entrata degli USA nel conflitto.

Si dice, ad esempio, che il presidente USA Roosevelt fosse a conoscenza dell’intento giapponese di attaccare Pearl Harbor. E che abbia taciuto per causare l’entrata in guerra degli Stati Uniti…

Successivamente si disse che Kent fosse una spia nazista. Ma il ruolo di Kennedy nella vicenda non fu mai del tutto chiarito.

Quel che è certo, è che contribuì all’arresto dell’agente in terra britannica e non negli USA, rendendo impossibile la scoperta della verità.

Esistono numerose prove che confermano i rapporti tra Kennedy senior e alcuni esponenti della malavita americana. In particolare Sam Giancana, che aiutò John Kennedy a vincere le elezioni grazie ai determinanti voti della città di Chicago.

I Kennedy e la Mafia americana

La mafia americana sembra aver avuto un ruolo determinante sia nell’elezione di John Kennedy che nella sua morte. E quella di Bob Kennedy.

Sembra che Sam Giancana abbia avuto un ruolo attivo anche nell’assassinio di Marilyn Monroe, che fu (secondo molti) amante di entrambi.

Bob Kennedy
Bob Kennedy

Il mafioso avrebbe aiutato John Kennedy a vincere le elezioni, ma non avrebbe digerito le “distanze” prese dai due Kennedy una volta saliti al potere. In particolare le azioni di Bob Kennedy, che fu nominato Segretario di Stato alla Giustizia e tentò proprio di combattere la malavita di cui Giancara era uno dei principali esponenti.

Secondo la testimonianza di Ronald Goldfaber, ex funzionario al ministero della giustizia e amico di Bob, l’allontanamento da Giancana e da Sinatra (cantante al soldo della mafia americana) avrebbe indotto i due prima a cercare una tregua, tramite il patriarca della famiglia Kennedy, e poi a pianificare gli assassini.

Diversa, forse, la storia di Marilyn Monroe, che per molti fu una delle vittime più famose del programma Monarch. Secondo la testimonianza di Lena Pepitone, la casa dell’attrice aveva una stanza completamente ricoperta di specchi.

Durante quella sera, Marilyn Monroe si esibì cantando la famosa
Durante quella sera, Marilyn Monroe si esibì cantando la famosa “Happy Birthday Mr President”, dedicandola a John Kennedy.

Questo è considerato uno dei modi di mettere in atto il programma, perché tramite gli specchi si creano moltissimi alter ego e consentono la riprogrammazione mentale della vittima.

Questo lo abbiamo ritrovato anche in molte storie di esponenti del mondo musicale, come Rihanna.

A seguito degli assassini, c’è chi sostiene che gli Illuminati abbiano dato vita ad un’operazione volta a spostare l’attenzione dalle uccisioni e minare in un certo modo la memoria dell’ex presidente USA. Furono pubblicati molti libri relativi, ad esempio, alla sua vita sessuale, eccessiva e di certo poco decorosa.

Sembra che quando era ancora in vita, il presidente fu avvisato della pericolosità della propria vita sessuale da McGeorge Bundy, consigliere dello stesso presidente ed esponente di una famiglia da sempre associata agli Illuminati.

Molto probabilmente, John Kennedy fu inizialmente esponente degli Illuminati e dei poteri forti, incluso quello mafioso. Una volta diventato presidente, in modo incauto decise di allontanarsene… e fu punito con la vita.

La stessa cosa si può dire del fratello, che fu ucciso a distanza di pochi anni.

Quello che non ha una spiegazione è invece la maledizione della famiglia. Alcuni la associano ad un probabile culto satanico supportato dai Kennedy… Ma di questo non esistono prove certe.

Sarà tutto una coincidenza come sempre, o no?

La famiglia Rockefeller

La famiglia Rockefeller è una delle dinastie statunitensi più influenti e potenti. La sentiamo nominare spesso nell’ambito dell’industria e della finanzia, ma è anche associata in molti casi alle attività degli Illuminati.

Negli USA molte di queste importanti dinastie sembrano avere poteri maggiori di quanto dichiarato. Per la famiglia Rockefeller, c’è anche un’importante testimonianza, che conferma i dubbi relativi ai “poteri occulti” di questo clan.

La storia della famiglia Rockefeller

La nascita del potere di questa dinastia risale all’operato di John Davison Rockefeller, nato a New York nel 1839 e morto nel 1937. Si tratta di una delle personalità più incredibili del periodo, fondatore della Standard Oil, tramite la quale rivoluzionò l’industria petrolifera.

John Rockefeller

 

John Rockefeller

Ottenne negli anni un potere finanziario e commerciale che portò l’azienda ad ottenere il monopolio dell’industria petrolifera. Era in grado di far fallire qualunque imprenditore del settore che si rifiutava di vendere alla Standard Oil la propria attività. E di acquisirle successivamente all’asta.

La Standard Oil verrà successivamente suddivisa in varie aziende minori, per colpa dell’antitrust che giudicò illegittimo il monopolio acquisito dai Rockefeller. Ma in realtà, potremmo dire che non fu un problema per la dinastia, che continuò a crescere in termini di potere e denaro.

Il magnate è stato definito il singolo uomo più ricco di tutti i tempi. La rivista Forbes ha stimato il patrimonio dell’uomo in 336 miliardi di dollari: una cifra assurda, se consideriamo che l’uomo più ricco del mondo del 2017, Jeff Bezos, ha un patrimonio di circa 100 miliardi di dollari.

Tramite le sue ricchezze, John Rockefeller controllava l’1,5% del PIL statunitense. Molti dei suoi eredi continuano a ricoprire posizioni importanti, nell’ambito politico, industriale e finanziario.

Tutti i figli di John hanno in qualche modo contribuito alla continuazione del mito dei Rockefeller. John III, il figlio maggiore, si dedicò alla filantropia, praticata anche dal padre (che contribuì, quasi in toto, alla fondazione dell’Università di Chicago).

Vignetta satirica su J. Rockefeller

 

Vignetta satirica su J. Rockefeller

Nelson Rockefeller è ricordato per il suo ruolo in politica. Fu governatore dello Stato di New York e vicepresidente degli Stati Uniti dal 1974 al 1977, durante gli anni della presidenza Ford. Alla politica si dedicò anche Winthrop, che fu Governatore dell’Arkansas dal 1967 al 1971.

Laurance, invece, si dedicò alla finanza speculativa. Fu, ad esempio, tra i primi investitori di due progetti alle primissime fasi, Apple e Intel. David, sicuramente il più famoso dei fratelli Rockefeller, detenne per anni il ruolo di re di Wall Street.

David Rockefeller

 

David Rockefeller

Protagonista assoluto dei circoli del potere mondiale, è stato uno dei fondatori del Gruppo Bilderberg, presidente del Council on Foreign Relations e fondatore della Commissione Trilaterale.

Fu presidente della Chase Bank, che nel 2000 si è fusa con la J.P. Morgan & Co, dando vita ad una delle più grandi banche del mondo controllata dallo stesso David Rockefeller, la JPMorgan Chase.

L’operato di David Rockefeller è in un certo senso la sintesi più pura e chiara di quanto stiamo cercando di capire con il nostro percorso. La connessione reale tra poteri occulti e poteri finanziari, politici, industriali. David Rockefeller è l’esempio più lampante di quanto in alto possa arrivare una dinastia del genere e di quanto l’operato di un solo uomo può controllare l’umanità intera. Dichiarò:

Qualcuno ancora pensa che facciamo parte di una setta segreta che agisce contro i principali interessi degli Stati Uniti, dipingendo me e la mia famiglia come internazionalisti e accusandoci di cospirare per costruire una struttura politica ed economica più integrata a livello globale; un mondo unico, se volete. Bene, se questa è l’accusa, mi dichiaro colpevole. E ne sono fiero.

 

Le rivelazioni scioccanti sui Rockefeller

Abbiamo visto che i Rockefeller hanno finanziato e finanziano ancora molte attività benefiche, tra cui anche le ONG. Probabilmente, il fine non è quello di fare del bene. Ma di assumere un controllo sempre maggiore.

E questo è quanto crede Aaron Russo, un produttore statunitense morto nel 2007. Le sue dichiarazioni sulla famiglia Rockefeller sono in questa intervista.

Il regista afferma che Nicholas Rockefeller gli ha anticipato, 11 mesi prima degli attentati dell’11 settembre, che in quella data ci sarebbe stato un evento, a seguito del quale gli USA avrebbero invaso l’Afghanistan, per costruire oleodotti, e l’Iraq, per controllarne il petrolio.

Famosa immagine di Aaron Russo e Nick Rockefeller

 

Famosa immagine di Aaron Russo e Nick Rockefeller

Sostenne che questi potenti uomini della finanza avevano dunque ideato una guerra senza nemico, attuando una strategia della tensione a livello globale per sottomettere tutti i popoli. Dice il regista:

“Per quanto tu mi piaccia, Nick, siamo agli antipodi come modo di essere. Io non credo nello schiavizzare la gente. E lui mi diceva “Ma cosa ti importa di loro? Cosa ti importa di quelle persone? A te cosa cambia? Prenditi cura della tua vita. Fai il meglio che puoi per te stesso e per la tua famiglia. Cosa conta per te il resto della gente? Non significano niente per te. Sono solo servi, sono persone.” Era come una mancanza di premura nei confronti degli altri, e io non ero così”

Rockefeller avrebbe detto, circa il femminismo:

“Sei un idiota. Lo abbiamo finanziato noi Rockefeller, il femminismo. E vuoi sapere perché? Per due motivi principali: perché prima del femminismo non potevamo tassare metà della popolazione e, in secondo luogo, avremmo così potuto mandare i bambini a scuola ad un’età ancora più precoce, indottrinandoli nel modo di pensare e distruggendo quindi le loro famiglie. I bambini ora vedono lo Stato come fosse la propria famiglia”

Non possiamo sapere quale sia la verità, ma di certo il regista avrà avuto delle motivazioni per “esternare” tali dichiarazioni.

Forse, a differenza dei Rockefeller e di altre famiglie come la loro, aveva davvero a cuore l’interesse della popolazione mondiale. Forse voleva semplicemente avvisarci del fatto che siamo solo pedine in mano a potenti dinastie.

In questa foto, troviamo Rockefeller in compagnia di Agnelli.

 

In questa foto, troviamo Rockefeller in compagnia di Agnelli. Parleremo anche di questa importante famiglia e dinastia italiana.

Famiglie influenti e ricche che non si fanno nessuno scrupolo quando si tratta di perseguire i propri assurdi scopi. Dinastie che probabilmente perseguono fini misteriosi, decisi da gruppi segreti, da organizzazioni come quella degli Illuminati.

Ormai, dovresti averlo capito seguace. Per quanto possiamo sperarci, non può essere sempre tutto una coincidenza.

Ti lasciamo con un’ultima citazione, sempre di David Rockefeller:

Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è la giusta crisi globale e le nazioni accetteranno il nuovo ordine mondiale

Continua il tuo percorso e condividi le tue scoperte con i tuoi cari, rendi anche loro consapevoli del mondo che li circonda. E ricorda sempre che la verità si mostra solo a chi la cerca.

Condividi su facebook
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Prima di continuare il tuo percorso...

Aspetta!

Scarica l'Ebook per avere le conoscenze fondamentali