5G: le 5 verità che devi assolutamente sapere su questa tecnologia

Cosa troverai in questo articolo

Ultimamente, è ritornata alla ribalta una polemica che, in realtà, circola in Italia da diversi anni: quella relativa alla rete 5G.

Il 5G, infatti, è stato oggetto di numerose discussioni, soprattutto relative ai (presunti) danni che questa tecnologia procurerebbe all’uomo.

Perché è ritornata alla luce? Perché alcuni, definiti “complottisti”, hanno sottolineato un certo legame tra l’installazione di queste reti e la diffusione del COVID – 19.

Illuminati Italia non vuole, in alcun modo, prendere parte a questa “discussione”. Siamo sinceri: non vogliamo speculare su un’epidemia che, per molti, si è trasformata in una vera e propria tragedia.

Abbiamo deciso, tuttavia, di dare a te seguace la possibilità di capire cos’è il 5G. In modo tale da poter trarre le tue conclusioni e, di conseguenza, avvicinarti alla verità, che è il solo e unico scopo del nostro percorso.

Ecco, dunque, le 5 verità che devi sapere sul 5G.

Il 5G non è “solo” un 4G più avanzato

Al contrario di quel che si pensa, il 5G non è semplicemente una rete 4G più potente.

Con il 5G la struttura di rete è invece più complessa e articolata ed è totalmente diversa rispetto a quella utilizzata per le altre tipologie di connessioni.

La velocità del 5G è circa 20 volte superiore a quella del 4 e può raggiungere i 2 Gb/s: ciò significa che si scaricheranno tantissimi dati in pochissimi secondi.

La rete 5G può inoltre supportare un quantitativo di dispositivi superiore a quella del 4G. In pratica, con il 5G possono collegarsi fino a 1 milione di dispositivi per chilometro quadro, mentre con il 4G il numero scende a 100 mila.

Infine, i famosi “ripetitori”: con il 5G, devono esserne installati migliaia a frequenza elevata, per garantire la velocità e ovviamente la copertura. Il che significa solo una cosa: una maggiore presenza di onde elettromagnetiche.

Un nuovo web e una nuova vita quotidiana

Il 5G ha delle enormi potenzialità e capacità: per questo, possiamo tranquillamente affermare che la sua introduzione porterà ad un web completamente nuovo e a conseguenti, ed importanti, novità anche nella vita quotidiana.

Il 5G è infatti stato pensato per gestire quella che viene definita l’internet delle cose. In pratica, oggetti che vengono connessi ad internet e che si aggiungono agli utenti già presenti sul web.

E non solo oggetti per la casa, come quelli impiegati, ad esempio, per la domotica. Ma anche oggetti alla base di città intelligenti: dispositivi per il traffico cittadino, o la coordinazione dell’offerta energetica.

La società futura (non così lontata ormai) guarderà al passaggio dal 4G al 5G come ad una vera e propria rivoluzione, caratterizzata dalla velocità di internet, dalla riduzione dei tempi per acceder e, soprattutto, dal fatto che ogni aspetto della vita quotidiana sarà amministrata e organizzata da internet.

Chi c’è dietro il 5G (nel mondo)

Attualmente, la Cina è il maggior paese produttore della nuova tecnologia di rete. Lo scorso anno, i leader del mercato in tal senso erano: Huawei, Nokia, Ericsson, Cisco e ZTE. In sostanza, il 75% del mercato globale, di cui il 30% è in mano a Huawei (cinese).

Inutile sottolineare che il valore economico del 5G è oltre ogni previsione o aspettativa. E che, ovviamente, questo ha dato il via ad un ulteriore scontro della Cina con gli Stati Uniti.

Le due potenze arriveranno a coprire più della metà degli investimenti totali sul 5G entro il 2035. Uno studio commissionato da Qualcomm ha sottolineato che l’economia alimentata dalla nuova tecnologia varrà oltre 13 miliardi di dollari entro quella data.

I settori coinvolti? Quasi tutti: dall’agricoltura all’edilizia, dai trasporti ai servizi pubblici. Tutto, come sempre, nelle mani di poche aziende e gruppi finanziari.

Il 5G in Italia

L’asta delle radiofrequenze del 5G si è tenuta, in Italia, nel 2018. Il valore complessivo fu di oltre 6 miliardi di Euro, mentre i vincitori furono: TIM, Vodafone, Fastweb, Iliad e Wind.

Le sperimentazioni sono partite ormai da tempo, ma ciò che nessuno dice è che davvero non si sa se questa tecnologia può arrecare, o meno, danni alle persone.

Non vogliamo fare i complottisti a tutti i costi. Illuminati Italia si distingue per questo: noi cerchiamo la verità. Ma in questo caso dobbiamo proprio dirlo: questa tecnologia viene testata quotidianamente senza dirci se è effettivamente dannosa oppure no.

E sai perché non lo dicono? Perché NON LO SANNO.

La verità più sconcertante

E questa, caro seguace, è la verità più sconcertante di tutte. Non sappiamo se il 5G fa male, perché non sono mai state condotte ricerche in tal senso.

Assurdo, non trovi?

Secondo quanto previsto dalla Costituzione e dai regolamenti UE, queste sperimentazioni non potrebbero essere praticate perché non c’è mai stata una valutazione del reale rischio di tali impianti.

Non risulta che ci sia stata una certificazione scientifica relativa alla mancanza dei rischi o dei pericoli per la salute umana e per l’ambiente.

In sostanza, non possiamo dire che il 5G fa male o che il 5G non fa male. NON LO SAPPIAMO. Non sono mai state accertate le reali conseguenze sulla salute umana di questi campi elettromagnetici prodotti dalla presenza di antenne che sono state istallate per queste sperimentazioni.

Di conseguenza, non è possibile neanche monitorare la situazione.

C’è chi dice che questa mancanza è strategica. E c’è chi crede che, in realtà, questa mancanza è dovuta alla reale assenza dei rischi.

Ma forse è da complottisti pensare che è giusto per la popolazione italiana e mondiale avere delle concrete e scientifiche risposte in merito?

Se si, allora, non possiamo far altro che dire che lo siamo. Perché crediamo nella verità, che come ben saprai è l’obiettivo del nostro percorso.

Ti lasciamo, seguace, ricordandoti come al solito che la verità si mostra solo a chi la cerca.

Condividi su facebook
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Diventa un Novizio

Prima di continuare il tuo percorso...

Aspetta!

Scarica l'Ebook per avere le conoscenze fondamentali